Marco Valletta

CUOCO

Biografia

Tutto è iniziato a Napoli.

Sono nato a Napoli, ho frequentato l’Istituto Alberghiero di via Giovenale, l’IPAS Ippolito Cavalcanti 1980/85.

Avevo da subito manifestato l'intenzione di perseguire la qualifica di Cucina, ho avuto la fortuna di incontrare un insegnante che mi ha fatto innamorare di questo lavoro, il mio docente e chef Felice Di Tullio; a quei tempi, uno dei pochi docenti di cucina che sapeva parlare di cucina con scientificità e rigore.

Avevo voglia di emergere in questo settore, il mio impegno scolastico è stato assiduo tanto da ricevere, al termine della qualifica triennale, il Premio "Coppola", quale miglior allievo della Campania nell'anno 1983.

Lavorando come extra e svolgendo le stagioni estive in cucina e dopo una esperienza nel USA a Washington D. C. completai gli studi diplomandomi a pieni voti nel 1985. 

Ho amato questo lavoro, ho amato la scuola grazie agli insegnanti che ho incontrato ma ho dovuto salutare la mia città natale e trasferirmi in Terra Veneta per diventare adulto e seguire i miei sogni.

 

Il mio tempo in Veneto.

Sono felice di definirmi Napo-Veneto, perché in terra Trevigiana ho messo le mie radici.

Ho lavorato assiduamente nel mondo della ristorazione, un po' ovunque, ma poi la scelta di poter diventare un insegnante di laboratorio di Cucina mi ha sedotto. Sulla mia strada ho incontrato un Preside lungimirante prof. Bruno Brunello, straordinario visionario di una didattica innovativa dalla forte "cultura della laboratorialità".

Insegnare "Cucina" è diventato per me utile a contagiare giovani promesse facendo emergere grandi professionisti. In tantissimi casi ci sono riuscito, mi è capitato di essere il Cimabue con il suo allievo Giotto. Ho sempre creduto e sostenuto che lavorare in cucina doveva essere fatto con sistema; perseguire la conoscenza scientifica del valore culinario; comprendere l'importanza dell'applicazione tecnica al fatto gastronomico; porsi sempre il perché ad ogni azione e combinazione dei processi di trasformazione e non solo.

Credo che "il saper cucinare" è un'abilità che va perseguita con scientificità, mentre il "far da mangiare" è espressione di improvvisazione, perché ci si nasconde dietro una licenziosità artistica.

Non ho mai abbandonato il mio impegno in cucina, ho cercato di testimoniare al meglio la mia passione, ed ho anche deciso di laurearmi a Padova 11 marzo 1996 con una tesi molto intrigante: "I DOMENICANI A TAVOLA" Abitudini alimentari e pratiche gastronomiche nel convento di San Nicolò di Treviso nel XVIII secolo. 

L'IDEA DI MARCO VALLETTA E DELLA CUCINA AUTENTICA: "La ricerca del gusto deve avvenire nel modo più semplice e genuino possibile; chiunque deve poter cucinare e degustare una pietanza riconoscendo gli ingredienti che ne fanno parte. Saper scegliere gli alimenti, seguire le stagioni, rispettare le materie prime, senza dover a tutti i costi ricercare l'elaborazione, è un modo di cucina saggio e sostenibile".

Amo molto il mio lavoro e cerco di trasmettere in ogni occasione quanto questa professione mi coinvolga. Ho organizzato banchetti d'epoca, valorizzando un lavoro culinario legato alla ricostruzione fedele: La cucina dell'Antica Roma; La cucina Medioevale monastica; La cucina Rinascimentale; La cucina in tempo della Serenissima; per citare alcune ricostruzioni di banchetti che hanno riscosso successi. 

Ho sempre parlato e scritto di cucina collaborando con diverse riviste di settore; ho scritto e curato numerosi libri di cucina da solo e coautore con altri famosi colleghi; ho svolto corsi di cucina; sono stato relatore in molte conferenze. Tutte occasioni per promuovere e valorizzare la figura del cuoco quale promotore di salute e attento alla corretta informazione specialistica.

Dal 2000 al 2012 ho fatto parte della N.I.C. Nazionale Italiana Cuochi organo rappresentativo della F.I.C. l'organizzazione professionale riconosciuta quale unica Federazione Italiana Cuochi dalla W.A.C.S. World Association Chefs Society.

Ho partecipato a molte trasmissioni televisive nel corso degli anni, ma l'esperienza più importante è stata al fianco di Donna Franca Rizzi conduttrice di "Casa Alice" dal 2017 al 2019, 300 puntante di piacevole cucina per tutti.

 

 

 

 

DOMENICA 15 MARZO 2020 ORE 14.00

#IORESTOACASAINCUCINA - LIVE -

OGGI NON SI ESCE DI CASA, CHE COSA ABBIAMO IN FRIGO?

SCOPRITELO CON MARCO VALLETTA E PAOLO PETTENUZZO

DAL 27 FEBBRAIO AL PIU' PRESTO DOVRA' FINIRE

BASTA CORONA VIRUS IO RESTO A CASA UNITI SI VINCE EVVIVA GLI ITALIANI LA CUCINA UNISCE TUTTI UNA RICETTA AL GIORNO PER STARE INSIEME

Dall'Aprile 2017 al Settembre 2019 Cuoco presso la Trasmissione TV "Casa Alice" canale 221 del DGT Trasmissione Condotta da Donna Franca Rizzi e Marco Valletta

CASA ALICE 2017/2019

Si tratta di un format Televisivo di circa 30 minuti, dove illustro idee gastronomiche adatta a tutti, ricette della tradizione, occasione di promuovere una cucina con garbo e sorriso.

IL MIO LAVORO A SCUOLA DAL 1986 A TUTT'OGGI

CASTELFRANCO VENETO "I.P.S.S.A.R. GIUSEPPE MAFFIOLI" NELLA SPLENDIDA VILLA DOLFIN

DAL 2000 AL 2012 MEMBRO DELLA NAZIONALE ITALIANA CUOCHI

IN GIRO PER IL MONDO IN QUALITA' DI MEMBRO DELLA NAZIONALE ITALIANA CUOCHI

Molte sono state le partecipazioni alle competizioni internazionali promosse dalla WACS. 

Olimpiadi di Erfurt 2000, 2004, 2008, 2012.

Mondali di Lussemburgo 2002, 2006, 2010.

 

 

Evento culinario presso Pordenone Fiera 19 - 20 Febbraio 2020

"AQUAFARM" Fish on the stage

Una occasione per promuovere il pesce di acquacultura.

17-23 SETTEMBRE 2007

PARTECIPAZIONE MISS ITALIA

16-22 MAGGIO 2007

CHICAGO COOKING CUP

16-23 NOVEMBRE 2006

COPPA DEL MONDO IN LUSSEMBURGO

4 - 7 OTTOBRE 2006

INTERNATIONAL KREMLIN CULINARI CUP


Gallery

Un primo piatto preparato ad hoc in pochi minuti: risotto al cavolfiore mantecato ai tuorli. Lo prepariamo ad Alice Club in compagnia di Francesca Romana Barberini e dello chef Marco Valletta

Collaborano con me

Restiamo in contatto...

+39 339 3291764

Via fra’ Paolo Sarpi, 1 (Salvarosa) 31033 Castelfranco Veneto (TV)

marcovalletta1966@libero.it

;